Orientamento Universitario Viaggiare

Volontariato YAP: cosa è e come partire

Noi di RoundersPalermo vogliamo farvi conoscere tutti i diversi progetti, associazioni che propongono particolari tipi di esperienze nonchè modalità di viaggio insolite e non molto conosciute specialmente nel nostro territorio.

Abbiamo parlato di Couchsurfing, Workaway, BedandLearn, Erasmus Traineeship e anche dello SVE: è proprio tra le opportunità offerte da quest’ultimo progetto che si inserisce lo YAP, Youth Action for Peace Italia. 

Partire per un volontariato con lo YAP

yap

Se amate viaggiare ma non sempre avete la disponibilità economica per farlo non disperate. Se si vuole viaggiare è possibile farlo anche con pochi soldi.

Avete mai pensato di partire per un volontariato? 

No, non siate prevenuti. Il volontariato non è per forza solo dare e aiutare senza ricevere niente in cambio. Anzi..

Aiutando l’altro in un contesto diverso, durante un’esperienza di viaggio particolare, riceverete molto più di quanto darete. 

In questo articolo vi spieghiamo che opportunità formidabile può essere il volontariato.

E oltre tutto l’occasione di partire come volontario può essere un pretesto per intraprendere un’esperienza di viaggio intensa ed economica. 

Ma torniamo a noi. Vi stavo raccontando cosa è lo YAP.

Cosa è YAP, Youth Action for Peace Italia

Youth Action for Peace Italia é un’associazione nazionale ed internazionale, laica, non governativa e senza fini di lucro, fondata nel 1971. Si collega ad altre piattaforme, come lo SVE, reti e associazioni operative nell’ambito del servizio volontario, dell’educazione e della solidarietà internazionale al fine di creare azioni e progetti inseriti in una strategia di lungo periodo che possa sviluppare un’azione duratura di sviluppo sociale.

Lo YAP Italia contribuisce allo sviluppo di una società equlibrata basata su principi di solidarietà, eguaglianza, sviluppo sostenibile e pace ; sostiene iniziative locali create allo scopo di sviluppare e rafforzare la società civile e promuove tipologie di dialogo non violento, interculturale, intergenerazionale e costruttivo per facilitare la gestione dei conflitti internazionali, locali e personali.

Una delle regole dello YAPè:

Pensa globalmente, agisci localmente!

La sua attività principale è quella d’organizzare scambi bilaterali di volontari provenienti da Paesi diversi e tra varie associazioni a livello internazionale, nazionale e locale.

Queste azioni permettono a giovani di diversa estrazione e provenienti da diverse esperienze sociali e culturali di scoprire un luogo attraverso la solidarietà ed il volontariato internazionale, partecipando in genere a piccole iniziative di sviluppo locale.

Lo Yap è attivo in Italia dall’inizio degli anni ’70, dopo l’esperienza di solidarietà vissuta da un gruppo di giovani studenti durante l’alluvione a Firenze.

Se l’articolo ti sta soddisfando ti chiedo solo un LIKE: basta un semplice click, che ti costa?

Grazie 🙂

 

Come funziona lo YAP

L’associazione offre una vastissima varietà di progetti: in base alla durata, all’età dei volontari, o al tipo di lavoro da andare a fare.

Visitate il Database campi per trovare il progetto più adatto a te. Fate una scrematura in base alla vostre preferenze e informatevi al meglio sul vostro eventuale campo di lavoro.

Partire in volontariato con lo YAP significa anche far parte di un gruppo di ragazzi della tua età (secondo le tue scelte) provenienti da tutto il mondo.

Un’occasione unica anche per imparare o migliorare la lingua e per confrontarvi con nuove e diverse culture.

Prima vi ho detto che partire in volontariato poteva essere una soluzione per poter viaggiare senza spendere una fortuna. Ebbene si.

Ma perchè?

Perchè spesso le associazioni che organizzano questi campi di lavoro, offrono nel pacchetto l’alloggio e talvolta anche il vitto. 

Quindi avrete un letto dove dormire in cambio di qualche ora di intenso e liberatorio “lavoro”.

Non vi aspettate chissà quale comodità o agio, tutto dipenderà dal progetto che sceglierete. Ma come vi dico sempre per essere viaggiatori bisogna saper adattarsi e scendere a compromessi.

Inoltre fuori le ore “lavorative” avrete tempo libero per visitare il luogo che vi ospita o fare ciò che volete. 

I tipi di progetto possono essere tantissimi: dal volontariato di tipo umanistico a quello naturalistico, fino ad aiutare a costruire qualcosa. Potrete esaminare qualunque campo di lavoro e scegliere quello che più vi aggrada.

La durata spesso non può essere inferiore alle due settimane. 

E per quanto riguarda l’età, esistono sia i campi per maggiorenni che quelli per minorenni: quindi nessuno è escluso, si può partire per un volontariato con lo YAP a tutte le età.

Come partire con lo YAP: iscriversi

Per iscriversi dovete semplicemente entrare nel sito dello YAP Italia e seguire le indicazioni.

Prima di iscriversi consigliamo la lettura del regolamento.

Successivamente basterà seguire questi tre passi:

  1. Il primo passo è quello di consultare il database e scegliere un campo di lavoro disponibile.
    Ovviamente il criterio di scelta spetta a voi ma, qualunque esso sia, è importante tenere in considerazione il tipo di lavoro che si va a fare.
  2. Fatto questo scegliete anche altre 2 o 3 alternative in ordine di preferenza.
    Delle volte può capitare che il campo scelto sia già pieno o che le caratteristiche del volontario non incontrino i requisiti richiesti dall’associazione organizzatrice del campo. In questo caso vi avviseremo e vi chiederemo conferma per il successivo campo da voi scelto.
  3. Successivamente dovete scaricare il modulo d’iscrizione e compilarlo (al computer) in ogni sua parte.
    Nel modulo sono incluse anche delle brevi indicazioni su come va compilato.

Quanto costa

Iscriversi al progetto YAP prevede una quota associativa annuale di 30 euro. 

Inoltre, nel momento in cui si sceglie un campo di lavora bisogna iscriversi anche ad esso: la quota sarà di 80 euro.

Se ancora non ti sei persuaso, leggi l’esperienza di questo ragazzo palermitano partito in Islanda con lo YAP: vi toglierà ogni dubbio su questo progetto.

 

 

 

 

 

 


Leave a Comment