Viaggiare per il mondo

Viaggiare in ostello cambierà la tua esperienza per 7 motivi

viaggiare e dormire in ostello

Siamo stati abituati nel tempo ad associare l’idea di dormire in ostello alla sensazione di scomodità. Tanto che nel momento in cui bisogna organizzare un viaggio, si è istintivamente portati a preferire un hotel ad un ostello. Anche nella progettazione di un viaggio low cost, in cui l’ostello sembrerebbe l’opzione più economica, la maggior parte delle persone non rinuncia ad una buona camera d’albergo.

E se vi dicessi che viaggiare in ostello cambierebbe la vostra esperienza di viaggio?

C’è da fare sempre una differenza tra vari tipi di viaggiatori, ma vi assicuro che per molti dormire in una camerata d’ostello è diventata una vera e propria “esperienza”.

Leggi il mio articolo sui vari tipi di viaggiatori e le loro differenze: Turista Vs. Viaggiatore.

Come scriviamo nell’articolo qui sopra linkato, è il turista che cerca la comodità, non il viaggiatore.

Al viaggiatore non importa di dormire insieme ad altri sconosciuti;  lui vuole conoscere, condividere, imparare e quale modo migliore dell’ “esperienza ostello”?

Questo tipo di esperienza di viaggio ormai hanno preso sempre più piede tra i giovani che cercano un modo per viaggiare (relativamente) “gratis”, uno di questi modi è il couchsurfing (cosa è il couchsurfing?)  ma se non sei disposto a dormire a casa di uno sconosciuto, l’ostello rappresenta l’alternativa migliore.

Si pensa che viaggiare in ostello sia sinonimo di viaggiare da soli, non è così. O per meglio dire: spesso chi viaggia in ostello è veramente solo ma per scelta, dormire in ostello è una conseguenza del viaggiare in solitaria perché ti da la possibilità di non sentirti più da solo.

Forse non tutti di voi hanno mai provato l’esperienza dell’ostello, vi spiego brevemente.

Come funziona un ostello

 

L’ostello è una struttura ricettiva che offre un numero di posti letto non tanto alto, ad un prezzo relativamente basso. Quanto costa una notte in ostello dipenderà da diversi fattori come l’ubicazione della struttura, la pulizia, i servizi etc.. Le camere che mette a disposizione possono essere singole, doppie o più grandi, fino ad arrivare alle cosiddette camerate, grandi stanze che ospitano più persone contemporaneamente. Si può anche scegliere se dormire in una camerata solo femminile, solo maschile o mista.

Questo in poche parole è ciò che andrai a trovare se decidi di dormire in un ostello.

Perché scegliere di viaggiare in ostello? Ecco 7 motivi

 

Non ti sentirai solo

Come vi ho già detto, chi viaggia da solo solitamente cerca nuove conoscenze e nuove scoperte. Potrete anche essere soli in ostello, ma come per magia farete subito conoscenza con altri viaggiatori. Il modo in cui accade è sorprendente, non è come cercare di fare amicizia a scuola con altri coetanei; qui succede in maniera diversa, anche con persone molto più grandi di te. Magicamente ti troverai in un gruppo piccolo o grande che sia, con gente di ogni età che fino al giorno prima non avevi mai visto, a raccontare le tue esperienze e loro ti capiranno, anche più dei tuoi amici a casa. Davvero,  tutto questo è incredibile. Il perché è semplice: in quel momento siete tutti uguali, siete tutti in viaggio con lo stesso spirito d’animo e la stessa voglia di conoscere. Ti accorgerai che bene o male, avrete tanto in comune a partire dalla grande passione per i viaggi.

Imparerai a condividere

Non solo condividerai la tua storia, i tuoi racconti; imparerai a condividere gli spazi fisici come la stanza da letto, il bagno con altre persone,  ma condividerai anche il tuo viaggio in quel preciso momento, quello stesso viaggio per cui eri partito da solo. Pensaci, sembra strano. Lo condividerai prima con questi “sconosciuti” che con la tua famiglia. E’ condivisione nel concetto più stretto del termine: al ritorno a casa lo racconterai non lo condividerai.

Ti aprirà la mente

Conoscere non significa solo fare amicizia, conoscere può anche voler dire scoprire qualcosa di nuovo che prima non pensavi neanche esistesse. Ecco, la presenza nell’ostello di tante persone provenienti da ogni parte del mondo ti aiuterà ad aprirti la mente. Scoprirai tante cose che ti sorprenderanno, a cui prima probabilmente non avevi mai pensato. Per esempio quanto siano veri gli stereotipi sui cinesi, ovvero che sono super ben organizzati, sempre con la loro macchina fotografica e la loro tecnologia; oppure che in Pakistan la donna non può urlare “a letto” ma deve trattenersi. Imparerai tanto cose in più sul mondo.

Viaggiare in ostello costa poco

E’ ovvio che l’ostello ti permette di viaggiare low cost: i prezzi sono più bassi rispetto ad un b&b o un albergo. Potrai pagare da 5 euro fino a 30 euro.

Gli ostelli sono ben posizionati

Solitamente gli ostelli si trovano vicino il centro della città. In quel caso potrai risparmiare anche sugli eventuali trasporti pubblici.

In ostello si fa festa: pub crawl e tanto altro

Avete mai partecipato ad un pub crawl? Il pub crawl è un giro di pub preselezionati dall’organizzatore, che fai on un gruppo di persone che come te pagano un biglietto per avere a disposizione un tot di drink nei vari pub e un ingresso in discoteca alla fine del giro. Questi pub crawl sono spesso in collaborazione con i vari ostelli, da cui passano gli organizzatori per prendere i partecipanti e farli unire al gruppo.

Se l’ostello in cui dormirete non organizza pub crawl, niente paura. Sicuramente troverete qualcuno con cui uscire a fare festa, dopo aver bevuto qualcosa nel bar della struttura. E già, perché ogni ostello ha il bar, ottimo punto d’incontro per fare conoscenza.

C’è la cucina, basta panini o fast food

Tra i servizi degli ostelli c’è anche la cucina. Finalmente potrai smetterla di mangiare schifezze per strada o spendere un sacco di soldi per sedenti in qualche ristorante, e cucinarti qualcosa di sano ed economico. Il concetto di viaggiare low cost negli ostelli sta anche in questo.

Inoltre negli ostelli potrai vivere delle esperienze uniche grazie alle collaborazioni che queste strutture stringono con varie associazioni/organizzazioni.

Ad esempio, sei appassionato di Sport? Ti piace il turismo sportivo? Potresti sentire parlare di Sharewood. Noi ne abbiamo parlato in questo articolo.

Che altro dire? Tra le righe ho anche inserito qualche mia esperienza in ostello che mi ha colpito, per cui non posso che essere favorevolissimo all’esperienza ostello. Ma ovviamente non posso assicurarvi niente: magari vi andrà male o magari…..in ostello troverete la vostra anima gemella, chissà..

Se questo articolo ti è piaciuto, dimostracelo con un semplice click, che ti costa?

Grazie 🙂
Ugo D’Amico


Leave a Comment