Privacy Policy

università di palermoFrancesco Di Giovanni, laurea magistrale in Giurisprudenza all’Università di Palermo

Perché hai scelto questa facoltà?
La scelta è stata ardua nel mio caso. Fino all’ultimo ero indeciso se iscrivermi a ingegneria (provenendo da un liceo scientifico sperimentale) o giurisprudenza. La mia scelta è dovuta a una riflessione riguardante le possibilità lavorative che le presenti lauree mi avrebbero prospettato una volta finito il mio corso di studi. Per il momento l’Italia non sta attraversando un bel periodo dal punto di vista finanziario, e la ricerca specialmente in ambito ingegneristico, ne risente molto. Su consiglio di mio zio ingegnere meccanico, una volta laureatomi, avrei dovuto seguire il suo esempio e cioè trovare un lavoro all’estero, per esempio in Francia.
Essendo molto legato alla mia terra, in quel momento non presi in considerazione la cosa, anche se seguendo alcune lezioni vidi fin da subito che quel corso di studi non faceva al caso mio.
La scelta di giurisprudenza è stata dettata fondamentalmente dalle possibilità lavorative che mi forniva questo corso di studio, e inoltre sono sempre stato affascinato dal settore economico-giuridico. Iniziando poi a frequentare l’ambiente universitario e le lezioni, capii che feci la giusta scelta.

Organizzazione lezioni
Le lezioni iniziano a metà Ottobre. Sarebbe preferibile che iniziassero verso novembre, visto il caldo della nostra bella Sicilia. Alcune volta capita che vi sia una coincidenza dell’orario di lezioni, ma basta semplicemente farlo presente ai professori, che provvedono a comunicarlo alla segreteria per una modifica

Modalità lezioni il metodo di lezione
Cambia a seconda del professore. C’è chi ti coinvolge di più durante la spiegazione, e c’è chi fa un vero e proprio monologo interiore. Per la stragrande maggioranza delle materie, non vi è un obbligo di presenza. In pochi utilizzano il computer con delle slide per rendere più dinamica e coinvolgente la spiegazione (es: filosofia del diritto, diritto commerciale). Altri professori riescono a sopperire a questa mancanza tramite la loro grande capacità oratoria e quindi nella loro chiarezza a esprimere concetti anche abbastanza complessi.

Presenza centro stampa
Basta uscire dalla facoltà che se ne trovano un’infinità. Il costo è piuttosto abbordabile rispetto alle altre foto copisterie della città. In esse si trovano anche libri fotocopiate, dispense, sentenze oggetto di studio, ecc…

Organizzazione esami
Vi sono 2 sessioni di esami. Gennaio- Febbraio (Marzo fuori corso) e Giugno-Luglio. Ognuna di esse presenta 3 appelli che si distaccano almeno 15 giorni ognuno dall’altro. Oltre a questi ci sono la sessione di settembre e dicembre che dispongono solamente di un appello, permettendo agli studenti di poter recuperare le materie lasciatesi durante l’anno.
Per il tipo di materie che si studiano, avendo un carico notevole sarebbe meglio adottare il trimestre, in maniera tale da agevolare lo studente che eviterebbe in tal modo di trascinarsi alcune materie.

Modalità esami
La maggior parte degli esami si tiene oralmente. Vi sono degli assistenti in commissione d’esame, e a seconda del volere del professore si viene interrogati da entrambi o direttamente dall’assistente o dal professore.

Reperibilità Professori
La maggior parte dei professori è difficile da rintracciare via mail, perché hanno un’infinità di mail e spesso quelle presenti in segreteria sono quelle che non usano. Il modo più semplice è parlargli direttamente durante il ricevimento. I giorni di ricevimento sono conoscibili tramite la segreteria.

Servizio Biblioteca
Aperta dalle 8 e 30 fino alle 7 del pomeriggio dal lunedì al giovedì. Mentre il venerdì solo mattinata, fino alle 13.

Sito internet università e sito facoltà
Durante gli anni vi sono stati una miriade di problemi. Sembra essere stati risolti tutti quelli di tipo tecnico-informatico. Se si vuole essere sempre aggiornati su ogni novità, introduzione di materiale didattico, e vari bandi, bisogna consultarlo costantemente.

Presenza mezzi di trasporto che portano all’Università
Non consiglio l’utilizzo di mezzi pubblici vista la poca efficienza. Se vi si è costretti bisogna alzarsi presto per arrivare in tempo a lezione.

Convegni e career day
Costanti, le organizzazioni studentesche sono molto presenti in facoltà.

Ambiente universitario
Non sono un frequentatore assiduo dell’ambiente universitario, nel senso che finita la lezione invece che rimanere a studiare in facoltà preferisco andare a casa o in altre biblioteche. Ovviamente conoscendo molte persone si è propensi a non studiare 🙂 ecco perché preferisco non rimanere.
Per quanto riguarda il rapporto tra studenti, dipende da chi si ha di fronte, è tutto relativo. Per fortuna ho colleghi con cui ci si confronta spesso e si è propensi all’aiutarsi.

Parcheggio auto/moto
Il parcheggio moto è di fronte la facoltà per le macchine bisogna arrivare presto se no è difficile trovare posti nei dintorni, dato che non vi è un posteggio.

Erasmus
Per il bando erasmus ci si può ritenere abbastanza soddisfatti, ci è una scelta abbastanza vasta per le mete nelle quali si possono sostenere molti esami. Inoltre da quest’anno è partito il progetto “Erasmus plus” teso ad ampliare il numero di mete, consentendo anche una certa libertà in fatto di “visiting”.

Ci sono molti fuori corso nel tuo corso di laurea?
Molti studenti sono fuori corso visto il peso delle materie.

Pregi che ti senti di specificare per chi leggerà questa tua valutazione
Dal punto di vista della didattica, e quindi dell’insegnamento, non ci si può lamentare, anzi penso che sia la migliore d’Italia visto che i migliori avvocati e dottorandi italiani sono usciti da questa facoltà. Penso quindi che la preparazione che si può ottenere qui, non si ha da nessun altra parte in Italia anche perché’ i professori che sostengono i corsi sono famosi avvocati che posseggono studi anche all’estero, infatti alcuni di essi sostengono corsi anche al di fuori dei confini nazionali. Tutto ciò comporta uno studio molto intenso e proficuo durante la maggior parte dell’anno, ma questo non deve spaventare.
Potrei sembrare di parte, ma ho avuto conferma da amici e colleghi che laurearsi in alti Italia, per quanto riguarda Giurisprudenza, risultasse più facile e che si potesse vivere più serenamente questa esperienza universitaria.

Difetti che ti senti di specificare per chi leggerà questa tua valutazione
Ho elogiato molto i professori, ma pochi sono quelli che possono essere considerati “clementi”. La maggior parte pretendono il massimo dallo studente, “spremono” lo studente, nel vero senso della parola, come un limone. Il voto si deve sudare e meritare, e alcuni eccedono nel loro smisurato ego. Attenzione!!! questa facoltà non è per deboli di volontà, non si può mollare alla prima difficoltà. Questa facoltà è piena di insidie e non bisogna demoralizzarsi mai, bisogna essere più “stronzi” dei professori.

Ti sei pentito di aver scelto questo corso di laurea? O comunque sei dell’idea che questo è il corso che fa per te ma a non andare bene è l’Università?
Sinceramente ho pensato che sarebbe stata più adatta a me la facoltà di economia vista la propensione per lo studio in ambito economico. Non mi pento comunque della scelta visto che molte materie presenti in economia, sono affrontate in maniera più approfondita nel nostro corso di studio, dopo aver fatto degli opportuni confronti ovviamente.

Successivamente alla triennale che vuoi fare? Specialistica o subito un master?
Se hai fatto una laurea magistrale di 5 anni? quale sarà il tuo passo successivo?
Essendo una quinquennale penso che intraprenderò un master post-lauream, visto il mio interesse in ambito economico, probabilmente all’estero. La specializzazione in diritto internazionale è comunque intrigante.

Dai qualche suggerimento libero a chi vorrebbe intraprendere il tuo stesso percorso e a chi si appresta ad iscriversi all’università.
Sii sereno nella scelta, valuta tutto il più attentamente possibile e spero risulti la facoltà adatta a te!


Leave a Comment