Welcome to Palermo

Palermo “disgraziata”, Palermo capitale della Cultura 2018

logo rounders palermo. Home: Viaggiare è la nostra libertà

Chi nasce a Palermo, si sente un po’ “disgraziato”. Capita, è capitato e forse capiterà sempre: finire col pensare che se fossimo nati da un’altra parte, magari un po’ più a Nord, avremmo avuto una vita migliore.  Capita, è capitato e forse capiterà sempre che alla bellezza che siamo abituati a vivere ogni giorno, preferiremmo una vita più agiata,  una vita appunto meno “disgraziata”.

Ecco perchè osservare il mare potrebbe esserci d’aiuto.

Siamo abituati a pensare che in futuro potrebbero toglierci tutto, forse riuscirebbero a toglierci anche la voglia di rimanere a vivere a Palermo, ma il mare ci sarà sempre e sempre c’è stato.

La storia di questa disgraziata città è stata dominata dal mare. Ed è stata questa immensità d’acqua a renderci meno isolati di quanto oggi pensiamo di essere.

E’ stato il mare che bagna la nostra costa a renderci un crocevia di culture, a fare di Palermo la casa di molte civiltà, a fare di noi un popolo accogliente.

Il mare che oltre ad offrirci un patrimonio artistico-culturale immenso, ci ha permesso di potere esplorare altre terre, di espandere la nostra conoscenza e di andare a cercare la fortuna altrove: è anche per questo che la nostra è una cultura di migranti.

Ma la fortuna vera è quella che possiamo vivere ogni giorno. Fermatevi ad osservare quell’immenso e interminabile blu, e vi accorgerete di come quella cultura che il mare ci ha regalato è davvero dentro di noi,  nella nostra lingua, nella nostra storia e nella nostra città.

La stessa cultura di cui il prossimo anno saremo capitale. 

 


Leave a Comment