Erasmus Viaggiare

Erasmus a Lisbona: Marco Riotta ci racconta la sua esperienza

Marco Riotta ci racconta la sua esperienza Erasmus a Lisbona

 

DATI COMPILATIVI

Città erasmus: Lisbona
Nome:Marco
Cognome:Riotta
Età: 23
Quanto tempo sei stato in Erasmus? 6 mesi, sono arrivato a Lisbona l’8 febbraio, sono tornato a Palermo il 27 luglio
Sei partito solo o in compagnia?Da solo

 

 Perchè hai deciso di fare l’erasmus?

Ho deciso di fare l’Erasmus perché avevo voglia di cambiare vita, stravolgere la mia routine che mi attanagliava e mi annoiava dannatamente. Voglia di conoscere nuove persone dalla cultura diversa dalla mia, che mi avrebbero mostrato il loro modo di vedere le cose, imparare e crescere, crescere tanto, sotto ogni punto di vista. E poi certo… divertirsi come i pazzi e vivere da persona LIBERA.

Perché la tua scelta è ricaduta su questa città?

Io studio Fisioterapia, è un corso di laurea molto piccolo e l’unica meta Erasmus che prevede il mio corso di laurea è per l’appunto Lisbonauna sola meta, ma probabilmente la migliore 😉

Parla dell’alloggio

Io ho vissuto a Saldanha, un’area abbastanza centrale e buona di Lisbona, i prezzi delle cose erano i medesimi di altre zone magari “più povere”, l’unica cosa veramente costosa di Lisbona sono gli alloggi. Da 2 anni a questa parte ho saputo che i prezzi sono raddoppiati ad opera di speculazioni date da cose del tipo “Lisbona capitale Erasmus 2017” e il turismo in aumento in generale. A livello pratico: mediamente i prezzi di una stanza singola vanno dai 300euro al mese in su, io a Saldanha pagavo 400 euro.
Dove ho vissuto io, a Saldanha, avevo veramente tutto e veramente a pochi passi, come 2 tipi di Supermercati: PingoDoce e Continente (molto famosi e presenti in tutta Lisbona), farmacie, un giardinetto punto di ritrovo dei ragazzi il pomeriggio, ristoranti di ogni tipo, pub con narghilè, kebabbari, una palestra aperta h24, fruttivendoli e altri negozi dove potevi trovare la qualsiasi ad ottimi prezzi, ovviamente gestiti dai cinesi 😉
A Lisbona ci sono tante sedi di Università, veramente tante, quindi immagino ci siano tante “zone universitarie”, per quello che so io, Jardim do Arco do Cego vicino casa mia (Saldanha) era uno dei più famosi e ghermiti di studenti nel pomeriggio. Poi vabbè la sera tutte le zone di Bairro Alto, Pink Street e i vari miradouro (viewpoint) presenti in città sono sempre super frequentate da giovani.

Che ne pensi dell’Università ospitante?


Io non ho svolto “lezioni in aula”, ho svolto solo un tirocinio di 25 crediti suddiviso in un periodo svolto al CaixaFutebol Campus e un altro svolto alla Clinica del Benfica. Il mio esame finale è constato di una presentazione Power Point riguardo il trattamento riabilitativo effettuato su due pazienti a scelta trattati da me.
Per quanto riguarda le strutture in cui ho fatto tirocinio, basta dire che fossero del Benfica… strutture ottime sotto tutti i punti di vista. Mentre l’università, per quanto per l’appunto non l’abbia potuta veramente “sperimentare”, mi ha dato una buona impressione, soprattutto il tizio dell’ufficio relazioni internazionali della mia università (ESTeSL), il signor NunoAlves, è stato veramente un buon “amico” oserei dire.


Che ne pensi della città che ti ha ospitato? E’ sicura? 

In linea generale Lisbona è sicura, ovviamente come tutte le città del mondo devi avere un po’ di buonsenso la notte, potresti essere derubato a seconda di dove sei e a che ora…ho avuto qualche incontro del terzo tipo, ma se vuoi sapere se a Lisbona puoi essere rapito o ci puoi crepare… beh questo direi proprio di no.   


Com’è il costo della vita?

Il costo della vita è molto buono, i generi alimentari ecc. hanno gli stessi prezzi che in Italia, se non un po’ più economici. L’alcool veramente economico, ti stupirà J Come ho detto prima l’unica cosa che ho trovato veramente costoso sono gli alloggi.

Hai trovato zone verdi?

A Lisbona ci sono vari giardini e parchi, sia piccoli che grandi, se sei un amante del verde non ne rimarrai deluso!

Parlaci del trasporto pubblico

Il trasporto pubblico è super efficiente, ero veramente a cuor leggero ogni qualvolta mi dovevo spostare da un punto ad un altro della città, che onestamente non è poi così grande, l’ho amata anche per questo. La rete metro copre praticamente tutta la città, ero un amante della metro, gli autobus non li prendevo praticamente mai, se non quelli notturni 😀 anche loro comunque efficienti. A Lisbona ci sono anche i tram caratteristici, semplicemente state attenti ai vostri effetti personali quando siete sui tram, perché molto spesso sono affollati e comunque sono dei mezzi abbastanza piccolini, e non di rado ti capiterà di essere schiacciato come una sardina con le altre persone, quindi occhio ai borseggiatori! Io quindi per usufruire dei mezzi (metro, bus, tram e anche treno, quest’ ultimo fruibile sempre con l’abbonamento solo fino alle primissime fermate entro sempre la città di Lisbona) avevo un tipo di abbonamento mensile (ce ne sono di tanti tipi per tutte le esigenze) di nome “Navegante Urbano” dal costo di 36,20 euro. Ma Lisbona non si fa mancare niente, infatti come altri trasposti ci sono i traghetti che ti portano in Almada, sull’altra sponda del Rio Tejo che bagna Lisbona. Se proprio invece la pigrizia ti mangia vivo, e vuoi comunque non scialacquare il tuo patrimonio puoi sempre utilizzare app come Cabify e Uber e chiamare dei sostituti di taxi… molto economici, che ti permettono ovviamente ti spostarti anche con amici (vi dividete la corsa) e come si suol dire, ve ne uscite con 2 euro a testa di media.

Il meteo ha condizionato le tue giornate?

Il periodo in cui sono stato io è da febbraio a luglio, insomma un periodo perfetto! Ho trovato la temperatura di Lisbona molto gradevole, proprio mite, né troppo calda e né troppo fredda. Questo dovuto sicuramente alla presenza dell’oceano, che fa in modo che ci sia sempre un certo venticello fresco anche nelle giornate di “caldo”, che non sono mai veramente afose e asfissianti, e quindi che ti impedirebbero di uscire di casa (non ho mai sentito il bisogno di avere un climatizzatore), e la sera di solito fra fresco, in genere quindi ti dovrai portare una felpa anche nelle sere d’estate, infatti lo sbalzo termico tra mattina e sera è un’altra caratteristica di Lisbona.

Che eventi offre la città?

Lisbona è una città vivissima, c’è sempre qualcosa da fare, ci sono sempre eventi, anche strambi, in posti insoliti tutti da scoprire. Tanto per dirne qualcuno: Out Jazz Festival che è ogni domenica a partire dal mese di maggio sino a settembre, ci si rilassa e si gode la musica e l’atmosfera (che ti fa troppo prendere a bene) in un parco che cambia ogni mese di location. O ancora Brunch Electronic, eventi erasmus praticamente ogni giorno, roof parties e chi più ne ha più ne metta… insomma a Lisbona ci lascerai un pezzo di cuore sicuro, come ce l’ho lasciato io 😉

E’ stato facile integrarsi con la gente del posto?

Sì i portoghesi non sono alieni, alla fine sono abbastanza simili a noi italiani, spagnoli, (ricordiamo che i portoghesi non sono spagnoli e non parlano lo spagnolo :D) sono abbastanza aperti e amichevoli, in definitiva posso dire di essermi trovato sempre molto bene con i portoghesi.

Che impressione ti sei fatto della gente del posto?

Se proprio dobbiamo raffrontarli agli spagnoli, come molta gente fa (giusto per rendere l’idea) beh è sicuramente gente più tranquilla e meno casinista, ma non per questo non è interessante!Hanno una loro storia e modo di fare, tutto da scoprire.

 

Parlaci della vita notturna

E’ possibile usufruire del servizio pubblico? Fino a che ora?
L’ultima metro passa circa all’una di notte, dopodichè si possono trovare i bus notturni, come quelli che partono accanto la stazioneCais do Sodré, molto frequentati dai ragazzi che devono tornare a casa dopo aver vissuto la movida che per la maggior parte delle volte si svolge da quelle parti. Ogni tanto non mi andava di aspettare e prendere il bus notturno, e decidevo di farmela a piedi sino a casa, impiegavo circa 30/40min (Saldanha è un po’ “lontana” dalle tipiche aree della movida), ma in genere non mi dispiaceva camminare la notte, il tragitto era bello, strade larghe… insomma mi rilassava molto, ovviamente dipendeva dalle condizioni in cui vigevo 😀 Questo per dire che appunto Lisbona non l’ho trovata una città grande, anche a piedi puoi raggiungere le aree dove in genere gli alloggi stanno, senza problemi di sicurezza o di eccessivo tempo. Male che vada ripeto, puoi sempre usare Cabify, Uber o anche spendendo un po’ di più puoi prendere un taxi, che costano sicuramente meno rispetto all’Italia.

Dove si concentra la movida?In quali zone?

Come ho già detto prima,la movida si concentra sicuramente a Bairro Alto, Pink street, e l’area attorno la stazione Cais do Sodré, di fronte al Rio Tejo, vicina a quasi tutte le discoteche più in voga. E’ chiaro poi che ci possono essere determinati eventi in altre zone, per esempio all’ LXFactory(luogo fighissimo)o dj importanti alla discoteca Lux, se ami la musica techno come me 😀

Quanto costa in media la vita notturna?

L’alcool è super economico comparato all’Italia, soprattutto la zona di BairroAlto è il paradiso per Erasmus e turisti (per chi è di Palermo è una specie di Vucciria “allargata” e un più “sistemata”) che vogliono spendere poco ma divertirsi comunque un casino. In genere anche altri luoghi,da altre parti,sono altrettanto economici, ovvio poi che ci sono locali costosi. Se hai le card erasmus, come ESN, ELL per determinate discotechee similiin genere non paghi quasi mai l’entrata (se rispetti alcuni orari di entrata) o comunque hai sconti e paghi in media 5 euro… e in genere qualora tu pagassi l’entrata quello che spendi di entrata è come se fosse un “buono” da spendere in alcool dentro, quindi dai, alla fine piangi con un occhio 😀 (ovviamente i prezzi dell’alcool dentro le discoteche sono più elevati)


Ti senti cambiato/a dopo questa esperienza?

Ovviamente sì, è qualcosa di inevitabile, mi sento cresciuto e migliorato sotto tanti punti di vista, ho imparato e scoperto cose di me stesso che prima non conoscevo.Mi sono divertito tanto, ho conosciuto gente che ora considero fratelli e sorelle, oltre che in Italia,adesso ho pezzi di famiglia in Germania, in Polonia, in Finlandia, e ovviamente in Portogallo, questa è la cosa più bella del mondo.

Come ha cambiato il tuo rapporto con Palermo?

E’ strano da spiegare, ovviamente vedo la mia città natale, Palermo, con occhi diversi rispetto alla mia città Erasmus, Lisbona. Tutto è diverso, non solo il luogo, ma anche tutto ciò che c’è dietro:il vivere da solo, il dover pensare a te stesso sotto ogni punto di vista, perché non hai mai mamma e papà che ti aiutano, e questa cosa onestamente è bellissima, ho adorato la libertà totale che avevo, anche riguardo cose semplici, tipo a cosa mi potevo cucinare la sera, cosa lavarmi in lavatrice e quando, sciocchezze forse, ma a me ha sempre pesato molto il non potermi sentire totalmente libero sotto tutti i punti di vista. Adesso che sono tornato a Palermo sento di aver indossato queste catene nuovamente, o comunque in parte. E’ ovvio che ci sono cose di Palermo che mi sono mancate e che sono uniche, come del resto penso la stessa cosa su altre cose che riguardano invece Lisbona (in primis l’efficienza dei trasporti pubblici…) ma amo Palermo, è la mia terra, è un rapporto di odi et amo, perché ci sono volte che Palermo mi fa veramente incazzare, ma che ci vuoi fare… anche le ragazze mi fanno incazzare a volte, non per questo smetto di amarle 😀

 


Leave a Comment